I vicoli di Genova, l’orienteering e io. Una bella avventura.

Una città fatta di vicoli e angoli storici, questo è lo sguardo su Genova visto con gli occhi di questa ragazza Portoghese.
Niente di meglio che un gioco divertente e un compagno locale per scoprire alcuni di questi luoghi. Con una cartina topografica ed un compasso, un team di due persone, parte il nostro Orienteering. Siamo alla ricerca delle lanterne, ovvero I luoghi da raggiungere entro le due ore a disposizione. Un evento promosso da Outdoor Portofino e Abbey Hostel da cui un team preparatissimo e noi, un po’ meno preparati, iniziamo il percorso con l’obbiettivo di trovare I posti contrassegnati nel più breve tempo possibile, un sano spirito competitivo si percepisce nell’aria.
Il primo obiettivo è la colonna dedicata a Cesare Vacchero, detta colonna infame, la quale è stata eretta per ricordare il tentativo di cospirazione per rovesciare la Repubblica di Genova.
Da lì si và a contare gli alberi in piazza Lavagna, a cercare i cognomi sulla targa alla memoria dei caduti alle Vigne o a farsi un selfie in spianata Castelletto.
Il busto del professore Kazuhiko Fukuda è il più arduo da trovare, giriamo in tondo dentro il parco di Villetta Di Negro, a onor del vero insieme a molti altri partecipanti, fino a che la dea bendata non ci aiuta (tutti). Dopo aver camminato per quasi due ore torniamo alla base nonostante gli imprevisti e completiamo la missione con un buon punteggio.
C’è che sta roba qui dell’orienteering è una figata, l’evento ha mobilitato un sacco di gente di ogni età ed estrazione sociale, per appassionati e non (ma lo diventerete) seguiteci (qui: http://www.thehostel.it/ e qui: http://www.outdoorportofino.com/) per il prossimo aggiornamento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.